Logo Spazio Elementare

Ricerca e Formazione Artistico Culturale in Trentino

 

817623

foto di Chiara Zeni

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO

CLICCA QUI PER VISITARE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

CLICCA QUI PER VEDERE IL LIBRETTO DEL TOUR DI “INVISIBILI GENERAZIONI” CON TUTTE LE DATE

I biglietti per le repliche serali di Invisibili Generazioni sono disponibili presso le CASSE RURALI e attraverso il circuito online PRIMI ALLA PRIMA!!!

Le Invisibili Generazioni di Elementare Teatro tornano a viaggiare e, per questa volta, all’interno dei confini regionali
L’ultima produzione della compagnia Elementare Teatro, Invisibili Generazioni, riprende a viaggiare dopo il successo del debutto andato in scena a Rovereto lo scorso novembre presso un affollatissimo e caloroso Teatro Zandonai! Lo spettacolo verrà ospitato da ben otto comuni della provincia trentina per questa prima tournèe che si concentrerà nel corso dei mesi di febbraio e marzo e che si articolerà in repliche serali dedicate al pubblico adulto e mattinée scolastici.

Lo spettacolo tratta il tema della mobilità giovanile ovvero lo spinoso argomento della “fuga di cervelli” verso l’estero; proprio per questa ragione sono state definite “invisibili” queste generazioni che per scelta o mancanza di opportunità in patria scelgono di cercare fortuna e riconoscimento in paesi stranieri. Commissionato co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network, lo spettacolo è stato ideato, scritto e diretto da Carolina De La Calle Casanova che con queste parole presenta il lavoro: “Questo paese sta invecchiando; i giovani se ne vanno, anno dopo anno. Nemmeno la Brexit, l’Isis, gli estremismi in aumento, la nascita di nuovi mestieri at home arrestano le ben tre generazioni invisibili che prendono residenza all’estero. E tutto ciò non lo diciamo noi, lo dicono i dati (incompleti per difetto) dell’Aire, il rapporto annuale dell’Istat, gli studi. Con Invisibili Generazioni abbiamo dato vita ad una commedia grottesca e punk che canta di questo cambiamento e abbiamo collocato nel coro delle retrovie la classe dirigente; nel ritornello che si ripete la nonna; nelle strofe in prima linea chi parte e chi resta: due fratelli orfani”. Marco Ottolini, Paola Tintinelli, Valentina Scuderi e Federico Vivaldi portano in scena una storia giocata su un doppio binario: il racconto delle vicende di una famiglia comune che vede espatriare uno dei propri “figli”, si alterna all’evidente difficoltà vissuta dalle istituzioni, figure dirigenziali, che non riescono ad arrestare il fenomeno della migrazione giovanile vedendo il propri territorio invecchiare, inesorabilmente.

La storia raccontata è comune a molte famiglie e tocca una problematica mettendo in luce un fenomeno che solleva riflessioni a più livelli.
Come sottolinea l’ufficio emigrazione della Provincia Autonoma di Trento che ha commissionato il lavoro: “Tutti conosciamo qualcuno che è partito, chi in Europa, chi in altri continenti. Figli, nipoti, amici emigrano di nuovo per trovare lavoro e progettare una vita, cosa che – dopo la crisi, economica, politica, sociale – qui è sempre più difficile immaginare. Questa “generazione invisibile” ha diritto a una voce – che abbiamo scelto teatrale – e noi abbiamo il dovere di guardare e vedere la loro fatica e le loro speranze, consapevoli che in un mondo che sta cambiando velocissimamente immaginare soluzioni, proporre nuove politiche è una difficile impresa.

Oltre a questi appuntamenti con la pièce, si segnala che, Invisibili Generazioni nel corso dei mesi si è strutturato come un progetto ricco e articolato che garantirà il coinvolgimento diretto degli studenti trentini che potranno partecipare a laboratori didattici e teatrali condotti dalla compagnia. Dunque un’occasione formativa e di approfondimento unica che consentirà ai giovani di approfondire i temi dello spettacolo ed entrare in contatto le tecniche teatrali; ulteriore opportunità di scambio e di approfondimento sui temi inerenti la mobilità giovanile viene offerta dalla pagina di dialogo e scambio virtuale e social “Invisibili Generazioni” dedicata al progetto e creata su facebook/invisibiligenerazioni

INVISIBILI GENERAZIONI Commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network – TgN.
In collaborazione con Coordinamento Teatrale Trentino, Progetto Altrove di Riva del Garda, Trentini nel Mondo di Trento, Primiero Oltre Mondo, Comune di Vallarsa, Comunità della Vallagarina.
Sponsor tecnici Briciole Food&Drink, Panificio Moderno e Cantina Vivallis

TOUR FEBBRAIO/MARZO 2018

 Il primo appuntamento con la tournée di Invisibili Generazioni è fissato per sabato 17 febbraio alle ore 21.00 presso il teatro parrocchiale Monsignor Caproni, seguono poi: venerdì 23 febbraio ore 21.00 teatro cinema comunale di Predazzo e il giorno seguente, sabato 24 febbraio ore 11.00 mattinée scolastico; mercoledì 21 marzo ore 13.45 presso il teatro Paradiso di Folgaria mattinée scolastico; giovedì 22 marzo alle ore 21.00 teatro comunale di Tesero, venerdì 23 marzo presso lo stesso comune mattinée scolastico alle ore 10.00; sempre venerdì 23 marzo replica serale alle ore 21.00 presso l’auditorium comunale di Lavis; sabato 24 marzo ore 21.00 presso il centro culturale Locca di Concei a Ledro e, chiude questa prima fase della tournée, il comune di Brentonico dove lo spettacolo andrà in scena domenica 25 marzo alle ore 21.00 presso il teatro Monte Baldo.

“Cari Amici di Elementare,
siamo felici di invitarvi al Debutto Nazionale della nuova produzione di Elementare Teatro, INVISIBILI GENERAZIONI.
 
Lo spettacolo andrà in scena giovedì 16 novembre alle ore 20.45 presso il Teatro Zandonai di Rovereto. 

La prevendita
 dei biglietti è già iniziata presso le filiali della Cassa Rurale convenzionate e attraverso il circuito Primi alla Prima che potrete raggiungere cliccando https://www.primiallaprima.it/PrimiAllaPrima/it/event/invisibili-generazioni-teatro-zandonai-rovereto/226317

 

Biglietto unico 5 €.

 

Questo paese sta invecchiando; i giovani se ne vanno, anno dopo anno. Nemmeno la Brexit, l’Isis, gli estremismi in aumento, la nascita di nuovi mestieri at home arrestano le ben tre generazioni invisibili che prendono residenza all’estero. E tutto ciò non lo diciamo noi, lo dicono i dati (incompleti per difetto) dell’Aire, il rapporto annuale dell’Istat, gli studi.
Nell’Era del Virtuale l’emigrazione giovanile sembra solo essere la punta di un iceberg inesplorato; sotto acqua, in disgelo, c’è un cambiamento in essere di cui i nostri figli  saranno comunque protagonisti.
Invisibili Generazioni è la commedia ironica e punk che canta di questo cambiamento collocando nel coro delle retrovie la classe dirigente; nel ritornello che si ripete la nonna; nelle strofe in prima linea chi parte e chi resta, due fratelli orfani.
Come ogni buon cambiamento che si rispetti, questo canto non può che iniziare dal caos.
Carolina De La Calle Casanova . Regista

Al termine dello spettacolo avremo modo di festeggiare il debutto grazie ai nostri partner tecnici Cantina Vivallis e Panificio Moderno che ci delizieranno con i loro prodotti.

Commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network – TgN
In collaborazione con Progetto Altrove di Riva del Garda, Trentini nel Mondo di Trento, Primiero Oltre Mondo, Comune di Vallarsa, Comunità della Vallagarina.

Un ringraziamento particolare a Chiara Zeni Photography e a Briciole Food&Drink.
 

Se avete Facebook, invitate i vostri amici a Teatro, scoprite e condividete l’evento sul nostro profilo!

Vi aspettiamo a Teatro!”

 

invisibili-generazioni_tovagliette_fb_bunner

ELEMENTARE D’ESTATE maggio giugno 2017

 

web_elementaredestate_2017

 

QUI TROVATE LA LOCANDINA IN PDF CON IL DETTAGLIO DEGLI EVENTI


Associazione Elementare torna a presentare le proprie attività culturali organizzate nella valle che ha accolto l’associazione: la Vallarsa. Questa volta la programmazione si sviluppa nel corso del periodo estivo e prevede l’apertura delle porte della propria sede, Spazio Elementare, ovvero la ex-scuola elementare del paese di Valmorbia.

Proprio la sede dell’associazione ospiterà infatti tutta la programmazione del periodo estivo realizzata grazie al supporto della Provincia Autonoma di Trento e alla collaborazione con il Comune di Vallarsa e la Comunità della Vallagarina.

Elementare apre lo Spazio a seguito di numerosi ed impegnativi lavori di ristrutturazione che hanno permesso di rendere accessibile ed accogliente la sede consentendo di poter organizzare ben 5 eventi che saranno riconducibili a differenti discipline artistiche, quali ad esempio il teatro ed il cinema. Arricchiscono il programma di Elementare d’Estate anche momenti di confronto con la popolazione della valle e con le persone interessate ad instaurare un legame con l’associazione, oltre ad incontri dedicati alla formazione artistica ed approfondimenti culturali, il tutto, impreziosito dalla natura e dalla bellezza espressa dal territorio della valle nella quale gli eventi prenderanno vita.

Un modo diverso di passare la serata dunque, al di fuori del perimetro della città, in uno spazio alternativo che vuole accogliere anche la progettualità di altre realtà culturali nella convinzione che il dialogo e la collaborazione possano costituire un valore aggiunto alle proposte delle singole realtà artistiche residenti sia in Trentino che oltre i confini provinciali.

PROGRAMMA DETTAGLIATO

Elementare d’Estate apre la propria programmazione con un incontro pubblico che si terrà domenica 28 maggio alle ore 17.30.

Un appuntamento pensato per rafforzare ed accrescere un rapporto diretto tra Elementare e la Comunità della Vallarsa, le associazioni operanti nel territorio e con i cittadini residenti nei comuni adiacenti interessati a partecipare. L’incontro consentirà ai membri dell’associazione di illustrare la crescita di Elementare, raccontare le attività dell’associazione, i progetti in cantiere e dialogare in merito alle possibili collaborazioni che si potranno tessere in futuro con la comunità. Durante l’incontro sarà possibile visitare i diversi spazi della ex-scuola Elementare per capire insieme il futuro dello spazio in un’ottica di condivisione della destinazione d’uso della struttura compatibilmente con la sua vocazione di realtà culturale ed aggregativa.

A seguire, sabato 3 giugno a partire dalle ore 17.00, in collaborazione con la Scuola di Teatro Portland di Trento si terrà una “Maratona Teatrale” durante la quale saranno presentati al pubblico due spettacoli, prodotti finali di corsi annuali organizzati dal Portland.

Alle ore 17.00 sarà la volta dei piccoli allievi del corso di teatro bambini 7 – 10 anni che presenteranno degli estratti del loro saggio intitolato “IL PAESE DEI NONNI”. I piccoli attori mostreranno al pubblico presente ed in particolare ai coetanei, alcune scene dello spettacolo; contestualmente i bambini presenti e d’età compresa tra i 6 e gli 11 anni potranno partecipare ad un laboratorio teatrale. La regia dello spettacolo e l’organizzazione dell’attività è curata da Paolo Vicentini, insegnante della scuola di teatro Portland con esperienza decennale nella conduzione e gestione di percorsi pedagogici dedicati ai ragazzi.

A seguire, alle ore 20.30 verrà messo in scena il saggio “NO AMELIA NO PARTY. Confusione virale da famiglia normale”. Il saggio sotto forma di spettacolo ha preso vita nell’ambito del corso di scrittura scenica e regia condotto dalla drammaturga e regista Carolina De La Calle Casanova. Durante questo percorso teatrale annuale, gli allievi si sono comportati come veri drammaturghi e attori delle proprie storie. Il risultato è stato l’ideazione e realizzazione di un testo collettivo dove si affronta un fenomeno molto caldo dei nostri tempi: il sesso, la seduzione ed i rapporti famigliari nell’era del web.

Domenica 11 giugno dalle ore 11 alle ore 17.00 è il turno della formazione. POP POP BOAT: NAVI A VAPORE. Un laboratorio sull’uso del materiale di riciclo tenuto da Ilaria Bassoli e Davide Vivaldi dove anche i più piccoli potranno costruire una nave a vapore e capire come una lattina e un tetrapack si possono trasformare in un gioco. Aperto a tutti per un massimo di 15/20 partecipanti. Le iscrizioni sono aperte fino al 9 giugno per un costo di 15€.

Le attività si concluderanno il 17 giugno alle ore 20.30 l’ultimo appuntamento in programma e dedicato alla proiezione del documentario “I Capitali Italiani” del Progetto Altrove Reporter di Riva del Garda.Tredici ragazzi trentini sono simultaneamente in cinque capitali europee e ci raccontano della loro emigrazione verso l’Europa. Domande che aprono un dibattito molto interessante sul futuro di questo paese e della Valle.

Tutti gli eventi si terranno presso la ex-scuola Elementare di Valmorbia 55/56, in Vallarsa, poco distante da Rovereto. A seguito di ogni serata o attività pomeridiana verrà offerto un rinfresco o merenda. Ingresso libero.

Per prenotazioni, iscrizioni o informazioni potete rivolgervi a info@spazioelementare.it

 

SFORTUNATO DEPERO [anteprima nazionale]

sFd_A3_Melotti_LOGHI_exe-ok-print (1)ELEMENTARE teatro è lieta di annunciare il debutto nazionale dello spettacolo

sFortunato Depero

9 febbraio 2017 ore 21.00

Auditorium Fausto Melotti di Rovereto

sFortunato Depero è la nuova produzione teatrale di Elementare Teatro che debutterà il 9 febbraio 2017 ore 21.00 presso l’Auditorium Fausto Melotti di Rovereto nell’ambito della Rassegna “Altre Tendenze” a cura del Centro Servizi Culturali Santa Chiara di Trento in collaborazione con il Comune di Rovereto.

Lo spettacolo, coprodotto da Fondazione Caritro, Provincia Autonoma di Trento – Dipartimento alla Cultura, BIM dell’Adige in collaborazione con il Centro Servizi Culturali Santa Chiara, il MART – Museo d’Arte Moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Comune di Vallarsa, Comunità di Vallagarina, l’Istituto Pavoniano Artigianelli di Trento e la Compagnia Arditodesio di Trento.

Scritto e diretto da Carolina De La Calle Casanova, lo spettacolo è interpretato da Corinna Grandi nella parte di Rosetta Amadori e da Andrea Pinna e Federico Vivaldi (attore roveretano impegnato recentemente nello spettacolo La Cucina di Marco Bernardi) entrambi nella parte di Fortunato Depero. sFortunato Depero racconta la vita e il percorso artistico di uno dei più emblematici artisti trentini dell’900. Uno spettacolo che pone al centro della messinscena la narrazione delle avventure e odissee della vita dell’artista, inserendo per la prima volta la figura di sua moglie, Rosetta Amadori: instancabile musa, promotrice e segretaria del lavoro di suo marito fino alla sua morte.

De La Calle, grazie alla collaborazione con l’Archivio dell’900 ha potuto leggere e analizzare più di 1.000 lettere sopravvissute al tempo e conservate nel Fondo Depero e trascorse tra l’artista e Rosetta tra il 1914 ed il 1955, così come la corrispondenza che Rosetta manteneva con artisti di forte rilievo come Marinetti o altri.

A fine spettacolo verrà servito un buffet gentilmente offerto dai nostri sponsor tecnici Panificio Moderno e Cantine Vivallis.

 

A seguito del debutto lo spettacolo verrà messo in scena in numerosi teatri della provincia.

Segnaliamo le date del sFORTUNATO DEPERO TOUR TRENTINO:

11 febbraio ore 20.30 | Levico Terme presso il Teatro Oratorio Monsignor Caproni

18 febbraio ore 20.30 | Vermiglio presso la Sala Polivalente Polo Culturale

21 febbraio ore 20.30 | Riva del Garda presso la Sala dei Mille

23 febbraio ore 20.30 | Folgaria presso il Teatro Cinema Paradiso

24 febbraio ore 21.00 | Tione presso il Teatro Comunale

25 febbraio ore 21.00 | Mezzano presso il Tabià della Gemma

26 febbraio ore 21.00 | Fondo presso il Teatro Palanaunia